Concorso 2019 – Le Poesie premiate

Le poesie premiate del concorso
di poesia umoristica e satirica
Anguillara si espRIME2019

Un viaggio nella lettura
…e comincia l’avventura !

Anguillara Sabazia, Porta del Parco
Sabato 25 Maggio

Il motto del concorso

Er premio più gajardo e sorprennente
è quello de fa’ ride ‘n po’ la gente,

de fa’ sorti’ ‘n soriso in su la faccia
pe’ fatte abbozza’ mejo ‘sta vitaccia,

che si ridi la vita ‘n se lo spiega…
e tu la freghi prima che te frega ! 

Valerio Volpi, “in arte” Rugantino Anguillarino

─────────────────────────────────

Categoria “Poeti di lungo corso”

1^ classificata

“ELOGGIO
 di Bianca Rita Tonetti

dialetto anguillarino

Le motivazioni della Giuria
Uno spaccato di vita Anguillarina vissuta, perfettamente raccontato in modo brioso con parole e addirittura personaggi del passato come Orgone. Ne viene fuori un risultato che è poeticamente validissimo, inserito perfettamente nel contesto tematico e sviluppato con una poetica irregolare ma molto spontanea, ottimamente calzante in questo quadro storico stupendamente descritto. L’utilizzo di terminologie tipiche aumentano il valore della lirica.

‘Ste rime brevi vonno fa n’eloggio
a chi giù ‘n piazza sotto all’orologgio
ce fece aprí na biblioteca pubblica
aperta a tutti, pure a quelli brutti.  

Apriva solamente a certi orari,
ce nnavono i regazzi e li scolari.
Erimio suppergiù sempre li stessi
strutti magari no, ma mica fessi!

 Ce stava ‘na finestra co ‘na vista
da sturbo sopra ao lago d’ametista
e su su, fino ar soffitto, tutto ‘ntorno
libbri su libbri a datte ‘o capostorno.

 Du’ cose così belle ‘ndo ‘e trovate?
Orgone ce passava le giornate
co n’antri, me ricordo – io ch’i ‘o visti –
me pare guasi tutti communisti.

 Un giorno me trovai, guasi per caso,
un libbro ‘n po ‘ngiallito sotto ao naso:
parlava de la Cina, che era bella
e io, che ero ancora ‘na munella,
me ‘nnamorai de quella terra strana:
sognai de ‘nnacce. Cazz… era lontana!

 ‘Sto sogno venne appresso fino a quanno,
studente de cinese all’urtim’anno,
me misi sopra ‘n volo pe Pechino:
quello che era lontano fu vicino.

 Hai ‘nteso un libbro si che te po fa’?
Come ‘n tappeto maggico fa vola’!
La paggina po’ diventa’ n’aliante,
un bijetto pe fa ‘r giro dell’atlante.

 Cosi ‘na bibblioteca anguillarina
po fa viaggià lontano, fino ‘n Cina:
tutto a gratise, senza paga’ gnente.
Ancora je ne so riconoscente.

─────────────────────────────────

2^ classificata

“L’OCCHIALI DA LETTURA”
 di Liliana Serrani

dialetto romanesco

Le motivazioni della Giuria
Vecchia conoscenza del concorso, vincitrice lo scorso anno, Brano giocoso e divertente, articolato con quartine rinfrescate dall’utilizzo di terminologie che appartengono alla storia del dialetto, quali la biocca e concallà. La storia è assolutamente pertinente al tema, con una ottima vena ironica nel racconto.

Un giorno a la biocca Caterina,
‘n po’ depressa e mezza begalina,
er medico je dette come cura
un paro d’occhiali da lettura.

 “Che bellezza!” penzo’ lei tutta lieta
“armeno co’ ste lenti prodiggiose
potro’ apprenne tante belle cose,
nun saro’ piu’ ‘n’oca anarfabeta!”,

ma presto s’accorse assai delusa
che nun je abbastaveno l’occhiali
pe’legge li libbri e li giornali.

Pe’ ‘sta raggione decise li’ per li’
de anna’ a ‘na scola li’ vicina
pe’ imparasse armeno l’abbicci’.

Fu l’inizzio dela trasformazzione,
un teremoto, ‘na rivoluzzione:
come fu pe’ cristoforo colombo,
d’improviso scoperse ‘n artro monno!

Sotto l’occhi sbarati de la biocca
er gallinaro se slargo’ de botto
e imbocco’ tutto un quarantotto
de soggetti strambi e leggendari:

stregoni, giganti, zampognari,
draghi, principesse, sirenette,
cocchi d’oro , streghe e marionette…

(e chi piu’ ce n’ha piu’ ce ne mette! )

Da allora la chioccia caterina,
incarcati sur becco l’occhialetti
se gode l’aggi de la vita nova:

co’ attorno fiabbe e romanzetti,
bella spaparacchiata su la cova,
legge felice e concalla l’ova.

─────────────────────────────────

3^ classificata 

“L’IMPORTANZA DELLA LETTURA”
di Angela Sgamma  

dialetto di Allumiere

Le motivazioni della Giuria

Già esaltata nel premio Scarpellino, come in passato il nostro Valerio Volpi in arte Rugantino Anguillarino, la poetessa racconta un percorso di vita legato alla giovinezza e tradotto poeticamente in rima baciata. Il genere è molto simile al sonetto classico ma prolungato con altre due terzine basate su due settenari iniziali, composizione molto particolare, ma che da al prodotto una ottima ed elegante originalità. Molto interessante l’esposizione dialettale.

Ar tempo de la scola, un pretendente
me piò da parte, e disse trafelato,
che ‘n po’ de strofe m’iva dedicato,
perché le stavo sempre ‘nde la mente.

 Aprì ‘n fojetto, e lèsse lentamente
quelle parole in modo delicato,
che dentro la memoria hadò fissato,
pure si tra de no’ nun ce fu gnente…

 Doppo tant’anne, tra le rime sciorte
d’un libro de ‘n poeta de la Spagna,
‘na frase io me lèsse due tre vorte,

 finché capìe ‘ndèra la magagna.
Le verse che oramae credivo morte,
ereno lì, come acqua che ristagna…

 Fine de la cuccagna!
S’io nun avesse amato la lettura,
chi s’accorgiva de la fregatura?…

 Pure si è stata dura!
Nu’ m’è piaciuto d’èssa corteggiata
co’ ‘n ode tanto bella ma copiata!

─────────────────────────────────

Categoria “Poeteenagers”

 

1^ classificata

VIVA LA PIGRIZZIA 
della Classe II R dell’istituto Paciolo di Bracciano

dialetto romanesco

Le motivazioni della Giuria
Lettura e pigrizia viaggiano a braccetto, secondo l’interpretazione di questo componimento, frutto di un ottimo lavoro di squadra. E, conseguentemente, anche chi preferisce risparmiare viaggiando in modo alternativo. Composizione irregolare in alcuni tratti rimati, ma decisamente interessante per i contenuti.

Pe fa fa‘ n viaggio pure an pigro
se po’ contà solo su un libbro
ché pur sbracato su un divano
po’ vola’ assaï lontano !

 Nu spenne sordi manco er tirchio
si poi faje quadra’ er cerchio
facenno vola’ a fantasia
con bel libbro che te pija.

 Si legge, dice, apre la mente
nun ce sarà mai chi se pente
d’ave’ viaggiato attorno ar monno

 in lungo e in largo quant’è tonno
senza spenne maï ‘na lira
finché vento attorno je gira.

─────────────────────────────────

Categoria “Giovani Poeti”

1^ classificata

L’IMPRESA DI ZORRO 
di Franceso Romolo Volpi

dialetto romanesco

Le motivazioni della Giuria
Un sogno meravigliosamente raccontato in rima, con una perfetta attinenza al tema del concorso, dove la lettura sviluppa così tanto la fantasia e l’immaginazione da portarle al loro punto più alto: il sogno. Alcuni spunti denotano una fantasia galoppante, dal lama agli Inglesi, ma inserita in un contesto che non può che magnificare questo splendido prodotto lirico. Ottimo uso del dialetto.

Io me leggo er libro de Zoro
E me sento come un toro!
Che so lui me sto a sogna’
E sento che tutti me stanno a chiama’!
Urlano: “Vie’, che er popolo te chiama!”
Io parto, ma ar posto der cavallo me metto sopra un lama!
Arivato a una miniera trovo tutta povera gente
E l’inglesi che tutto l’oro se stanno a pija’
senza daje proprio gnente!
Io allora li vado a salva’.
Ma proprio sul più bello
Me svejo col libro in mano:
…tutto me stavo a sogna’!

─────────────────────────────────

2^ classificata 

LA POESIA TE FA VIAGGIA’ 
di Joshua Censi, Mattia Lozzi Chiarenza De Petri

 

Le motivazioni della Giuria
Le due strofe finali, una chiusura eccezionalmente vincente, racchiudono in due righe e poche parole tutta la veracità di questa lirica in cui Fantasia e tecnica si intersecano nei riferimenti storici ed attuali. Una testimonianza dell’ennesimo perfetto lavoro corale.

Viaggià è bello
in qualunque posto vai:
‘n posto ‘n acquerello
in un quadro che vedrai!
Quanno er vento te sposta li capelli,
quanno er callo te fa squaglià,
quanno ner deserto vedi li cammelli,
quanno dopo er mare te devi ‘nsaponà,
l’importante è divertisse!
Guarda pure Ulisse,
che dopo tutto l’accaduto
soffre in silenzio zitto e muto!
Pure ‘a lettura te po’ fa viaggià
ma no er teleggiornale che te fa arrabbià!
E se nun poi viaggià
nun ce devi pensà:
se nun c’hai li spiccioli
fatteli prestà,
se nun c’hai fantasia,
caro mio, fatte curà!

─────────────────────────────────

]

3^ classificata 

UN VIAGGIO NELLA LETTURA
di Aliseo Andrea Marmigi, Ionut Marian Vijdea, Riccardo Pensavalle

Le motivazioni della Giuria
Uno spunto eccezionale ed inconsueto, uno straordinaria testimonianza di fantasia. La vita del carcere, buia e triste, riportata nella bellezza della lettura. senza mai allontanarsi dal tema del concorso. La ricerca della rima è studiata ed interessante per un prodotto finale frutto di un lavoro corale di ottima levatura..

Un viaggio nella lettura,
sempre meglio di un viaggio in questura.
In carcere sono finito
e in biblioteca sono sparito.
Ormai libero non ero
ma un libro in mano avevo.
E con questo in mano
viaggiavo come un aeroplano!
Sono chiuso in cella dietro le sbarre
e vorrei andare in giro con le macchine tamarre,
con un libro io posso stare al ristorante
e invece sto in questa cella stressante.
Poso il libro e sto sempre al fresco
ormai penso che da qui non esco.
Sto sull’Everest e c’è la bufera,
guardo il soffitto e sto sempre in galera…
Sogno di essere con una ragazza bella,
mi sveglio, guardo…e sono ancora in cella!

─────────────────────────────────

Categoria “Poeti in erba”

1^ classificata

ER VIAGGIO IMMAGINARIO 
della Classe 5 A Scuola Primaria di Scalo di Anguillara

 

Le motivazioni della Giuria
Un eccezionale lavoro di gruppo in cui è presente ogni parametro del concorso. La rima baciata, il tema, il dialetto, ed una fantastica ironia, oltre ad una conoscenza geografica e metereologica che quasi stupisce. Il finale sembra quasi materno nel suo invito notturno al riposo a seguito di una mancata riuscita nel soddisfare le proprie fantastiche voglie di viaggiare. E tutto questo accade “quanno nun sai che fa”.

Quanno nun sai che fa
un libro poi sfojà
e co la fantasia comincià  a viaggià….
te trovi subito a Pechino
a magnà er risottino;
se questo nun te piace,
pja er primo volo
e te ritrovi ar Polo,
te morirai de freddo,
ma nun ce pensà,
daje svorta paggina
e l’Africa  t’apparirà;
er sole te scotterà
e rischi de brucià.
Allora cori sur Macciu Piciu, ner Perù,
a da vede che avventure vivrai tu.
Ar fine della giornata
er monno avrai girato.
Se manco un paese
t’avrà ‘ccontentato
allora fa n’a cosa:
posa stò libro,
bevete quarcosa
e stanotte, me racomanno,
riposa.

─────────────────────────────────

2^ classificata 

PROTESTA DEI LIBRI
di Giada Cristiano

Le motivazioni della Giuria
Ingegnosa composizione artistica che sconvolge i parametri del protagonismo, che in questo contesto diventano i libri. La poesia mostra toni ironici e pacati ma molto presenti. Con grande e sapiente maestria l’artista diventa il Ciceruacchio dei libri, invitandoli a ribellarsi. Perfetta la cura della rima, fantastico lo spunto.

Basta, siamo stanchi di non essere considerati
in uno scaffale impolverato siamo ormai dimenticati,
stanno tutti davanti ad un televisore
che fa solo tanto rumore.
Non si usa più la fantasia
e non si legge la fantastica poesia,
Pirandello, Trilussa hanno fatto la storia
ma ora molti li hanno cancellati dalla loro memoria.
Non sarebbe meglio viaggiare con l’immaginazione
invece di vedere la televisione?
In silenzio non possiamo più restare
è arrivato il momento di protestare,
uniamo tutti le nostre energie
e scappiamo da queste librerie.
Invadiamo le piazze e le città
e riappropriamoci della nostra dignità,
a voce alta iniziamo a parlare
e dalla gente facciamoci notare.
Noi abbiamo un grande bagaglio culturale
ed  un linguaggio a volte divertente e a volte formale,
abbiamo la capacità di aprire la mente
e ti facciamo diventare più intelligente.
Vedrai che leggerci non sarà  tempo sprecato
e che di uno di noi ti ritroverai innamorato.

─────────────────────────────────

3^ classificata 

LIBRI… E MAGIA 
di Anna De Marco

Le motivazioni della Giuria
Il racconto in prima persona di quanto possa viaggiare la mente, guidata dalla fantasia, in una serie di soggetti personalizzati dall’autrice, tutte figure derivate da un positivismo dedicato alla generosità, con un finale in cui trasuda ancora un grande ottimismo.

I libri contengono una magia
ti fanno volare con la fantasia
poi ti sale l’euforia
tanto da comprare tutta la libreria.
Leggendo le parole sprofondo nel racconto
e vivendo questo sogno leggo ogni momento:
sono un soldato
vengo dal passato,
porterò la pace
che al mio popolo piace…
…mi sono laureato
adesso sono uno scienziato
risolvo una frazione
e invento una pozione.
Chiudo il libro è ora di riposare
E penso “chissà domani cosa potrò diventare!”

─────────────────────────────────

Categoria “Premi della Giuria”

 

]


UN VIAGGIO FANTASTICO
 
di Matteo Licusati
 

Quanto è bello leggere, perché impari tante cose belle
E puoi immaginare di volare sulle stelle
Quindi te continua a leggere e scatena la tua fantasia,
lasciati trasportare dalla tua magia,
intraprendi questo viaggio,
fai volare la fantasia,
in questo mondo meraviglioso,
chiamato poesia.

─────────────────────────────────


GLI MAR’
 
dI Adriano De Benedictis
 

dialetto ciociaro

Tu che se accosì grosso e te n’sacco d’creatur,
o’mar quant’ si begli cu tutti sti culuri.
Quando gl’occhi m’vanno addò gli sol’ sprofonna
dentro l’acqua tua bella,
m’s’ rfanno l’ceruella.
S stonco da sulu m’simbri propria begli,
ma s stonco cugli amici,
è ancora megli.

Traduzione

IL MARE

Tu sei così grande e ospiti un’infinità di creature,
oh mare quanto sei bello con tutti i tuoi colori.
Quando vedo il tramonto
mi si rinfresca la mente.
Se sto da solo mi sembri bello,
ma con gli  amici è ancora meglio.

─────────────────────────────────


SORDI NUN D’AVIMU, MA LEGGIMU
 

dI Maurizio Misitano
 

dialetto calabrese

(dedicata a mio padre)

Vivia in nu paisi, ch’era u chiù più bellu du firmamentu
Che si lu guardi da luntanu, pari ca veni da n’altru mundu
Culli lacrimi da’a Madonna, Lu mari paria fattu
Ca Michelangelu sta bellezza, a pittarlu ci facia schiantu

Nu jornu vinniru omini, con l’accentu d’un postu luntanu
E si misero a guardari lu mari, ma in modo nu pocu stranu
Na grandi fabbrica ci dissiru, in ‘nto paisi vonnu costriuiri
Pe’ dare da mangiari all’uomini, ai fimmini e a tutti cotrari

E cussì a dudic’anni, cuminciaia a lavurari
Per costriri la fabbrica, di chisti omini tantu strani
E ogni matina all’alba, ‘ndavia a saliri supra lu trenu
In mezzo a tante genti, che zitta guardava luntanu

Tropp’anni passati in silenzio, mentre lu pisci si pescava  
Pecchì in mezzo al mari, sulu a vuci sua s’ascultava
E in campagna ‘ndavivanu i grilli, e i cardilli d’ascoltari
Guardando i giovani crapetti, nei campi a pasculari

Ma pe’ ruppiri stu silenzio, decisi a leggiri nu bellu giurnali
Ma no pemmia sulu, e ad alta vuci mi fici ascultari
E la gente d’un trattu smisi, di guardare sulu lu mari
E ascultarunu nu pocu i notizi, che parlavano di posti luntani

E siccome ammia pariva, che ci piaciva d’ascultari
Nu jornu pigghiaia nu libbru, dai versi nu pocu strani
E come quando sboccia nu fiuri, e pari na magia
A tanta gente silenziusa, ci piaciva la poesia

Ogni jornu si leggiva, s’ascultava e si lavurava
Una parola e nu mattuni, e ogni jornu accussì passava
E quandu insieme finimma, di fari la costruzione
Avevamo lettu puri, tutti l’articuli da Costituzione

La ditta sa futtiru, cu tutti i sordi pei nostri cotrari
E noi tornammo a mari, e in campagna per lavurari
e oggi mangiamu ancora, pane cunzatu con nu pocu di sardi
ma lu facimu laggendo Manzoni, Ungaretti e puru Leopardi.

Traduzione

Vivevo in un paese, che era il più bello del Firmamento
Che se lo guardavi da lontano, sembrava di un altro mondo
E il mare sembrava fatto con le lacrime della Madonna
Che persino Michelangelo si spaventava a dipingere questa bellezza

Un giorno vennero degli uomini con l’accento di un posto lontano
E si misero a guardare il mare, ma in un modo strano
Una grande fabbrica, ci dissero, vogliamo costruire
Per dare da mangiare a uomini, donne e bambini

E così a dodici anni iniziai a lavorare
Per costruire la fabbrica di questi uomini un po’ strani
E ogni mattina mi toccava prendere il treno
Insieme a tante persone che in silenzio guardava lontano

Troppi anni aveva trascorso in silenzio, mentre pescava il pesce
Perché in mezzo al mare si ascolta solo la sua di voce
E in campagna c’erano i grilli e i canarini da ascoltare
Mentre si guardavano i piccoli capretti che pascolavano nei campi

Ma per rompere questo silenzio, mi decisi di leggere un giornale
Ma non solo per me, e lo lessi ad alta voce
E d’un tratto la gente smise di guardare solo il mare
E iniziarono ad ascoltare notizie di paesi lontani

E siccome mi sembrava che alle persone piacesse d’ascoltarmi
Presi un libro dai versi un po’ strani
E come ogni volta che sboccia un fiore sembra un miracolo
A questa gente silenziosa piaceva ascoltare la poesia

Ogni giorno si leggeva, si ascoltava e si lavorava
Un libro, un mattone e ogni giorno passava
E quando finimmo insieme di costruire la fabbrica
Avevamo letto anche tutti gli articoli della Costituzione

La fabbrica se la sono rubata, insieme ai soldi per i nostri bambini
E noi siamo ritornati in mare e in campagna per lavorare
E anche se ancora oggi mangiamo un po’ di pane con le sarde
Lo facciamo leggendo Manzoni, Ungaretti e pure Leopardi

─────────────────────────────────


VIAGGIO NEL NEOLOGISMO
 
dI Fabio Del Croce
 

Camomillati là e lasciami skillare nella mia obsolescenza.
Questo cielo arcobalenato, inzupposo e liscido, intriso di gnagna
divanizza la mia tristitudine mentre in piena vacchità mi stracco.
Scioccobasito comincio a svapare con bambinosa violenza,
tu invece mi stolkeri allocrona e pazzurda. Scialla amica mia,
sono cementoso per ieri sera, non vedì? Neppure di scabercio?
Lo sai che ti amoro, c’è sincropatia tra te e me, sei bellerrima,
ma ora ho un po’ di disagiatezza, sono zullo e voglio stare pruso.
Vuoi fare una cosa? Chatta col kebabbaro per l’apericena
così mi crasha la punitenza e mi shippa la buiosa disallegria.
Lo so, sono un ibrividio inzivoso, ma peccatamente gengle.
Dai amiciore facciamo un selfie, hipster e trap allo stesso tempo,
io bambinoso e te metaquantica!! Che vuotitudine intorno a noi!
Dai scaricalo che lo fotoscioppo e poi lo storio su instagram.
Piovica, comincio a intrasentire una certa. Escile le uova!
Ti amoro. La tua bionditudine mi da sicuranza. Sfanculizzo il mondo,
swaggo un ciaone a tutti e resto a fangirlare tutto il giorno con te.

─────────────────────────────────


THE SILENCE – WORLD (IL MONDO DEL SILENZIO)
 
dI Jatta Malick
 

They said “doubt is a death
To creative mind”
But with my pen,
Is a shadow to creative mind.
She was just 17 years old
Succumb in this crazy world
Her father they butchered
Her mother they raped n killed
Her sister they raped
Her hope has been stolen
Her pride has been taken
To help, no one is around
Only the gun sound
Paaa.! Buum, Buum.!
Her brother is nowhere to be found
Her future is nowhere to be found
..half minutes silence
From the silence of justice
From the sorrow of peace
Deep down my heart I relics
Because heart attract love
Love attract heart
So as, madness attract madness
What is power..?
When society sick
What is money..?
When community is bleeding
The world is sinking
Everyday wars are ringing
Our silence and willful blindness
Is paying great evil to humanity
Where is the international community
Is there sympathy just on paper..?
In Africa I saw misery
Poverty
Calamity
Catastrophes
In America I saw excess of freedom,
White supremacist
Hypocrisy
Caging
Blocking
In Asia I saw selfishness
Carelessness
Wickedness
Sorrow less
and in Europe I saw extremism
Far-right
Supremacists
Nationalism
Racism
Fascism
Wickedness everywhere..!
Home, out, left and right back and front
In Europe politicians point at them
Australians killing them in mass
Children becoming orphans
Woman becoming widows
Humans becoming refugees
Refugees pointing as Islamist
Terrorist
Thieves
Jihadist
the world is sinking,
The world is sinking
Is sinking with sadness and pain
Pain With love (irony)
Sadness
Is Weaken the souls and minds
Our silence is killing
Is killing innocent people
Is uprooting
Is uprooting the root of humanity
Calamity is coming
Is coming to fall in the hands of humanity
I can feel the sorrow again,
is not far is just there
Is heading, just right beside us,
I can feel the crying of the babies, babies,
Humanity is sinking….
punto…!
Warlock th poet …. 

 

traduzione

Dissero che “il dubbio è una morte
Alla mente creativa “
Ma con la mia penna,
È un’ombra per la mente creativa.
Aveva solo 17 anni
Soccombere in questo pazzo mondo
Suo padre li ha massacrati
Sua madre hanno stuprato e ucciso
Sua sorella hanno violentato
La sua speranza è stata rubata
Il suo orgoglio è stato preso
Per aiutare, nessuno è in giro
Solo il suono della pistola
PAAA.! Bum, Bum!
Suo fratello non si trova da nessuna parte
Il suo futuro non si trova da nessuna parte
..i minuti minuti di silenzio
Dal silenzio della giustizia
Dal dolore della pace
Nel profondo del mio cuore ho delle reliquie
Perché il cuore attira l’amore
L’amore attrae il cuore
Quindi, la follia attira la follia
Cos’è il potere ..?
Quando la società è malata
Cosa sono i soldi ..?
Quando la comunità sanguina
Il mondo sta affondando
Le guerre di tutti i giorni stanno squillando
Il nostro silenzio e cecità ostinata
Sta pagando un grande male all’umanità
Dov’è la comunità internazionale
C’è simpatia solo sulla carta ..?
In Africa ho visto la miseria
Povertà
Calamità
catastrofi
In America ho visto l’eccesso di libertà,
Suprematista bianco
Ipocrisia
Ingabbiare
Blocco
In Asia ho visto l’egoismo
trascuratezza
Malvagità
Meno dolore
e in Europa ho visto l’estremismo
Estrema destra
suprematisti
Nazionalismo
Razzismo
Fascismo
Malvagità ovunque ..!
Home, out, left e right back e front
In Europa i politici li indicano
Gli australiani li uccidono in massa
I bambini diventano orfani
Donna che diventa vedove
Esseri umani che diventano rifugiati
Rifugiati che indicano islamista
terrorista
Ladri
jihadista
il mondo sta affondando,
Il mondo sta affondando
Sta affondando con tristezza e dolore
Pain With love (ironia)
Tristezza
È indebolire le anime e le menti
Il nostro silenzio sta uccidendo
Uccide persone innocenti
È lo sradicamento
Sta sradicando la radice dell’umanità
La calamità sta arrivando
Sta per cadere nelle mani dell’umanità
Posso sentire ancora il dolore,
non è lontano è solo lì
Sta andando, proprio accanto a noi,
Sento il pianto dei bambini, dei bambini,
L’umanità sta affondando ….
punto …!
. Stregone, poeta ….

─────────────────────────────────

Ringraziamenti

Un particolare ringraziamento a tutti coloro che, con il loro contributo, hanno reso speciale il concorso di quest’anno:

  • Tutti gli insegnanti che, con sensibilità e passione, hanno coinvolto gli alunni in questa avventura;
  • L'”Ente Parco di Bracciano” per l’ospitalità e i gadget offerti ai premiati;
  • Tutta un’altra storia – Libri e giochi per crescere” di Anguillara Sabazia per i libri offerti ai vincitori;
  • Granfà – Books, Beers & Food” di Anguillara Sabazia per i libri offerti ai vincitori;
  • Gruppo di Servizio per la Letteratura Giovanile” per i libri offerti ai vincitori;
  • Carlo Lomagno e a Massimo Cristiano per le fotografie della premiazione;
  • Il Presidente della Giuria Giggi Cartoni, Pina Maioriello, Cristina Colli e Valerio Volpi per l’ideazione, l’organizzazione e la realizzazione del concorso.

  

Annunci