Concorso 2018 – Le Poesie premiate

Le poesie premiate del concorso
di poesia umoristica e satirica
Anguillara si espRIME2018

Fratello Lago, Sorella Acqua

Anguillara Sabazia, Stazione del Cinema
Sabato 2 Giugno 2018

Il motto del concorso

Er premio più gajardo e sorprennente
è quello de fa’ ride ‘n po’ la gente,

de fa’ sorti’ ‘n soriso in su la faccia
pe’ fatte abbozza’ mejo ‘sta vitaccia,

che si ridi la vita ‘n se lo spiega…
e tu la freghi prima che te frega ! 

Valerio Volpi, “in arte” Rugantino Anguillarino

─────────────────────────────────

Categoria “Poeti di lungo corso”

1^ classificata

“ER MOSTRO DER LAGO di Liliana Serrani

Le motivazioni della Giuria
Una grandissima opera satirica in relazione al tema proposto. L’impostazione della composizione e la parola agli animali avvicina molto questa lirica ad alcune delle migliori composizioni di Trilussa. Ottimo l’utilizzo di alcuni termini dialettali in via di sparizione, quali asciuttato e imbrilloccato.

‘Na sera de giugno vellutata,
su la sponna der lago sabbatino,
doppo la giornata aroventata,
‘n’ochetta se godeva ‘r ponentino.

 a ‘n tratto dall’acqua paludosa,
a la luce der celo ‘mbrilloccato,
sbuco’ piano piano quarchecosa:
‘na testa, ‘n becco, ‘n collo
e poi ‘no sgorbio ‘mpapocchiato,
mezzo pesce e mezzo pollo.

 A ‘sta vista l’ochetta, ‘ntimorita ,
ma puro ‘ntrigata dar mistero,
sbotto’ « Sei ‘n incubbo o sei vero? »

 Intanto quello, faticosamente,
smovenno du’ zampette de gallina,
arancava su la sponda li’ vicina,
poi co’ ‘na vocetta ‘n po’ sfiatata
je disse a l’ochetta ‘mpappolata:

« Scusa sorella si t’ho spaventata!
io so’ n’abbozzo a meta’ strada
de ‘na mutazzione accellerata!

 datose che, disgrazziatamente ,
l’acqua sta a cala’ velocemente,
sto a spigne co’ forza e decisione
tutti li tasti de l’evoluzzione.

sicche’, quanno prossimamente,
pe’ corpa de l’ommini e der fato,
er lago se sara’tutto asciuttato,
io pe’ allora saro’ gia’ diventato
‘n galletto che razzola sur prato! »

 

 

─────────────────────────────────

2^ classificata

C’ERA ‘NA VORTA… UN LAGO ! di Maria Bonamici

Le motivazioni della Giuria
Bellissima rappresentazione futuristica del lago in relazione al tema. Ottima la satira, perfetta la stesura del sonetto. Come in altre occasioni, l’artista si rivela una delle migliori penne Anguillarine.

Me viene ‘n groppo in gola bene o male
se penso che arivata a ‘sto paese,
m’era sembrato…..niente de speciale,
era caruccio ….ma senza pretese.

Ma poi ‘n ber giorno resto senza fiato
ner mentre che te scenno giù per molo,
un panorama più che mai fatato
col lago azzurro e coi gabbiani in volo!

Ma oggi ciò ‘na smania triste e antica,
me scenne quarche lacrima sur viso:
sparisce l’acqua! E in men che nun se dica

tu vòi vede’ che ‘n giorno a ‘sto laghetto,
che pe’ noi era più che er Paradiso,
de botto ce vie` ‘n campo de carcetto ?

 

 

─────────────────────────────────

3^ classificata 

A GHE VORIA DANTE  di Andrea Stocchiero

Le motivazioni della Giuria
Non solo un sonetto ma addirittura un’ode in tre tempi, che ottimamente racconta le vicende del lago di bracciano. Ottima l’analisi storica e la spiegazione. Le eleganti sonorità del dialetto vicentino completano una vera e propria opera letteraria.

I tempo:

No no, non Dante queo mona che fa sempre na comedia
Ma Dante Dante, queo toscano che’l ga scrito la Divina de Comedia

Si perché sta storia del lago che se ga secà
Xe na bruta storia de gente che no ghe frega niente del ben comùn
Ma solo interesà al so tornaconto personal

Ghe xe chi dise che el lago se ga scursà perché no piove più
Se anca vero, ma la verità xe n’altra  e ve la conto 

Ghe xe na “società” che se ciama ACEA, ma varda che bea!
No no, no la xe bea
Perché sta ACEA la ga ciucià un saco de acqua del lago
par darghe da bere ai romani 

Eh si, fose così  fasile
La verità xe che sta ACEA la lavora così ben
che la perde ogni giorno un saco de acqua dai so tubi soto tera 

E varda che no xe un problema de schei
Perché i schei ghe xe par investirli in lavori de manutension 

E alora perchè?
Perché come al solito ai paroni no ghe ne frega niente
Tanto la gente paga comunque sto servisio de merda!
E lori i se mete nee tasche i schei, i nostri!

E chì ghe voria Dante, si Dante ciaparia sti paroni
E li meteria ne l’inferno
Nel girone de li ingordi con la boca verta 

E sò, tanta acqua ne la boca
quea che no ghe se più en el lago
Sò, glu glu glu glu glu glu

Che la va fora da la boca
li bagna tuti, li strafoga
i se ingolfa, e i se sente sofegar sempre più
i se sente morir che no poe respirar
Ma no i poe morir perché i xe sa morti! 

I continua a star con la boca verta, sentendose sofegar
Aiuto aiuto aiuto
Li vuto i schei e alora bevi! 

II tempo:

 Chi xe sti paroni de ACEA? Ma xe sempre la solita storia, vecia come el cuco!
I xe quei che vole i schei, e che i se senta nel grande consiglio de la aministrasiòn
Si aministraciòn del me casso!

 i xe quei che vole restar su la carega
En congrega con i politici che i ga meso en ACEA parenti e amici
D’acordo con sindacalisti col pelo su la pansa 

Ma i se anca quei dirigenti che tase e magna
E no i ga el corajo de dir basta
E così anca noijaltri, el popolo bue
Che gli antichi romani lo saveva ben
“Panem e circenses”

Si magnemo magnemo luganega e brocoleti
Si si vardemo la television e internet mentre i ne ciuca tuto
Ma sensa acqua e sensa vin (che anca el vin se fato de acqua)
Anca noialtri sofeghemo de indiferensa e stupidità 

E Dante, anca lu, lo saveva ben, e’l ga meso tanta ma tanta gente
Là a corere drio na bandiera bianca, becà dai tafani e da le vespe

Tanti tanti ignavi, né al paradiso né al inferno
Perché sta gente no la merita gnanca un posto 

Ma sta volta ACEA xe sta fermà, la gente se ga svejà!
Ma la storia no la xe finia qua …

III tempo

Grasie al referendum su l’acqua bene comun (chi se la ricorda?)
i comitati ga fracasà tanto le bale ai politici
che la Region Lasio ga fato na bona lege su l’acqua
ma no i la vole aplicar

e alora cari siori, forsa, ciamemo Dante e i so diavoli
ciamemo la gente, e coremo drio ai politici
sigando che volemo acqua bona per tuti
perché la xe vita e mi al inferno ghe vojo andar el pì tardi posibile!

─────────────────────────────────

Categoria “Poeteenagers”

1^ classificata

]

SO’ SOLO ‘N PESCE 


di La Marra Tiziano, Giannini Luca, Canestrari Alessio, Melis Sasha, Bartocci Siria

 

Le motivazioni della Giuria
Geniale. Il dolore del pesce che pensa di dover lasciare  la sua casa è stato uno spunto davvero geniale , perfetto il racconto in rima ed ottima la satira, magistralmente accostata al dialetto, nella battuta finale. Davvero un prodotto pregevole.

 

Me stanno pe’ demolì casa mia,
prima o poi dovrò annammene via!
In questo lago ch’è la mia dimora
l’amichi mia sparischeno ancora.

Io continuo a nuota’ ne ‘sto lago
c’ha sempre più l’aspetto de ‘na pozza,
sembra prosciugato come da un mago
venite a vede’ e dateme forza !

Io so’ solamente ‘n piccolo pesce
ma nella capoccia er dubbio me cresce
nun ne capisco ancora la raggione

spero che sia giunta ‘na soluzione…
Ma ACEA, con affetto e sentimento
meno te vedo…mejo io me sento !

 

─────────────────────────────────

2^ classificata 

LA CLASSE NON È ACQUA 


di Furfaro Michele, Perlesha Artur, Mileto Samuele, Paglia Veronica, Dennis Garbati, Matteo Silla 

Le motivazioni della Giuria
Bellissima poesia in settenari, con una metrica maggiormente  difficile rispetto a tante altre. Breve, ma perfettamente inquadrante la situazione, anche con un riferimento finale perfettamente inserito in lingua latina.

Per ruba’ l’acqua dar lago
c’è da esse’ uno de classe !
Ma la classe non è acqua,
Voi sapete mai perché?

Qui più d’ acqua non ce n’è !
Quer vampiro dell ’ACEA
l’ha succhiata in un’estate .
‘Mo dovemo sta’ ‘n trincea :
Mors tua, vita mea !

 

 

─────────────────────────────────

]

3^ classificata 

TE SEI DATO 


di Piselli Elisa, Chirico Andrea , Giorgi Federica, Nunziata Nicola, Calin Michela 

Le motivazioni della Giuria
Ottima lirica, con metrica breve e alcune caratteristiche ingegnose, quali lo sciopero e il giro al centro. Ottimo l’uso sia della rima che del dialetto.

Lago lago,
pian piano a Roma
te ne sei annato.
Volevi fa n’giro al centro,
lo sciopero hai beccato
e n’sei più tornato.
 

Mo’ più che lago
pari’ na pozza
ch’a vorte pure puzza
lasci senza fiato
e n’pari più n’lago.
 

Senza de te qui
nun è lo stesso!
Ar turista ‘sta pozza
je pare ‘n cesso!

I ristoranti e i bar nun lavorano più
da quanno te ne sei annato laggiù.
 

Vedi de tornà presto
sennò sospetto
che da qui a breve
tutto sarà più greve !

 

─────────────────────────────────

Categoria “Giovani Poeti”

1^ classificata

LA FINE DEL LAGO 


di Francesco Topo Tonetti, Joshua Censi, Vincenzo Canneto

 

Le motivazioni della Giuria
Un messaggio d’allarme che invita al risveglio, accompagnato da una serie di immagini quali il colore blu del lago, il tramonto rosa ed il battello che non c’è più. Valore aggiunto l’utilizzo del dialetto. Perfetto il finale: se nun famo qualcosa, er lago va a morì.

 

Guarda ‘sto lago come è messo male,
un se capisce dove è annato il fondale!
Guardando er lago vedi qualcosa?
Forse er riflesso del tramonto rosa?
Ma no! So’ le schifezze lasciate da la gente
A cui der lago nun je ne frega niente!
Manco st’estate pioverà
E il paese dirà “Che caldo che fa!’
‘Sto poro lago nun je la fa più
e pure il livello dell’acqua stà a calà giù!
E poi st’ACEA l’acqua sta a succhia’
E stà cosa me fa arrabbia’!
Ho capito la storia dell’accordo inopportuno…
Ma a noi così ce mette a digiuno!
Te dice la gente “er battello nun c’è più”
Se capisce…er fondale nun è più blu!
Spero che ‘sta poesia v’abbia fatto capì
Che se nun famo qualcosa
Er lago va a morì.

 

─────────────────────────────────

2^ classificata 

LA MAGIA DEL LAGO 


di Anita Tantillo e Alice Storani 

Le motivazioni della Giuria
Eccezionale l’ottimismo che traspare da questa lirica. Le due ragazze, in poche parole, mirabilmente mostrano una immagine storica del lago, il pescatore affranto con la sua voce interiore che lo sostiene. Ottima la ricerca della rima.

C’era un giorno un pescatore,
che stava seduto su una panca
pensando a cosa potesse fare nella sua vita stanca,
visto che non aveva più un quattrino in banca.
Guardava il lago in lontananza,
e invano dell’acqua cercava l’abbondanza.
Allora il pescatore infelice si tormentava,
vedendo che l’ACEA l’acqua prelevava
e si chiese perché fosse ancora lì,
quando una vocina dentro di lui gli disse:
“La magia del lago non può finire qui!”.

 

 

─────────────────────────────────

]

3^ classificata 

U NOSTRU LAGU 


di Riccardo Pensavalle 

Le motivazioni della Giuria
L’uso del dialetto permette sempre di dare un colore diverso a ciò che si racconta. Bravo l’autore a disegnare con le parole una prospettiva futura ipotizzata senza la bellezza dell’ombra degli alberi.

Sali lu lagu
esci lu sciuri
lagu di Braccianu
Fa crisciri l’amuri!
Si l’acqua di stu lagu sinni scinni
Tutti quanti ninni sciunnammu
Ca stammu attenti chi lu lagu unnava a scinniri
Ca sinnò nun ci resta cchiu
Di l’arbuli a bedda ummira!

 

traduzione dal dialetto siciliano

Sale il lago
Ne escono i fiori
Il lago di Bracciano
Fa crescere l’amore!
Se l’acqua di questo lago scende ancora
Tutti quanti sprofondiamo
Stiamo attenti che il lago non scenda ancora
Perché se no non ci resta più
La bella ombra degli alberi!

─────────────────────────────────

 

***************************

Categoria “Poeti in erba”

1^ classificata

METTEMOCE LO STUCCO 


di Alessandro Todini, Carlo Papi, Alessandro Ventra

 

Le motivazioni della Giuria
Una spettacolare produzione d’insieme, con delle genialità e delle presenze dialettali davvero importanti. Le richieste di delucidazioni ai genitori inquadrano un perfetto specchio della realtà, con la nuova conoscenza della parola captazione, ma soprattutto l’ottima descrizione della situazione che appare, a chi legge, addirittura chiarificante. Tre perle abbelliscono questa opera: io so piccoletto ma nun so certo scemo, l’utilizzo del modo di dire Romanesco vecchio come il cucco, e il tentativo eccezionalmente fanciullesco di riparare l’acquedotto mettendo lo stucco.

 

‘Na mattina, mentre facevo colazione,
vidi un servizio alla televisione.
C’era un tizio cor microfono in mano,
parlava proprio del lago de Bracciano.
E sì, quei posti io già li conoscevo,
c’ero già stato e me li ricordavo!
Diceva che l’acqua s’è abbassata
e che la situazione è bella complicata;
che dopo millenni, l’ecosistema delicato,
rischiava de esse del tutto cancellato.
Ma come? Ma che stamo a gioca’?
Io qua ce so nato, non me ne vojo anna’!
Se il lago more sarebbe un vero dramma.
Allora so’ annato a fa’ domande a mamma.
E mentre lei parlava della situazione,
ho imparato ‘na parola nova: “captazione”.
Portano via l’acqua? Ma perché lo stanno a fa’?
Allora so’ annato a domanda’ pure a papà.
Lui dice che l’acqua serve alle persone,
che è un bene che va messo in comunione.
La prendono pe’ portalla nella capitale,
perché l’acquedotto è messo proprio male.
Io so’ piccoletto ma nun so’ de certo scemo,
che l’acqua serve a tutti, questo lo sapemo.
Magari l’aggiustamo st’acquedotto,
che, a quanto pare, è proprio tutto rotto.
Se dice che è vecchio quanto er cucco.
V’aiuto pure io a mettece lo stucco!!
Così lo conservamo ‘sto parco naturale.
Stavorta famo sì che non finisca male.

 

─────────────────────────────────

Ci scusiamo del fatto che, per un inconveniente tecnico, non abbiamo la foto dei vincitori.

2^ classificata 

ER FRATELLO LAGO 


di Valerio Zugarelli

Le motivazioni della Giuria
Ingegnosa l’idea del dialogo in prima persona del lago, che si chiede il perché di quello che sta accadendo. Ottima la ricerca della rima e buona la metrica, perfettamente accompagnata dalla presenza del dialetto.

Io ve dico perché me prosciugate?
Ma in me che cosa ce trovate?

 Mo Roma me sta a ammazza,
solo l’abitanti mii me stanno a aiutà.

Se  io me sto a asciugà,
che cosa ce sto a fa qua?

 Pe l’anni a venì
fateme riempì

così io non morirò
e tanta gioia ve darò.

 

─────────────────────────────────

Ci scusiamo del fatto che, per un inconveniente tecnico, non abbiamo la foto dei vincitori.

3^ classificata 

L’ACQUA 


di Higor Sticchi 

Le motivazioni della Giuria
Buona impostazione metrica anche se irregolare e buona la ricerca della rima. Bello spaccato sull’importanza dell’acqua, che termina con una espressione particolarissima che evidenzia un ottimo finale.

L’acqua , nel grembo materno
lenta,  riempie lo spazio di vita,
da un’alta montagna affiora e zampilla,
saltella, scroscia, scende poi fa una salita.
Si stende azzurra sotto i raggi solari,
corre ovunque
riempiendo oceani e mari.
In lacrime o gocce cade copiosa
Ovunque brilla e mai si riposa
Luccica bianca come un brillante
Acceca forte sotto il caldo abbronzante
Trasparente e fresca dentro il bicchiere
Oibò vi saluto e me la vado a bere.

─────────────────────────────────

Categoria “Premi della Giuria”

]


UNA FONTE PREZIOSA
   IL GABBIANO E IL PAPERO FELICE 

della CLASSE 2°C – I.C SAN FRANCESCO SCUOLA PRIMARIA
 

UNA FONTE PREZIOSA

L’acqua è la fonte più preziosa
da far crescere una rosa.
L’acqua è un bene per gli esseri viventi
e fa diventare belli i salici piangenti.
Dal mare sale su
per poi scendere giù.

IL GABBIANO E IL PAPERO FELICE

Sulle acque del lago di Bracciano
dove vola un bianco gabbiano,
un papero stonato
sguazza nell’acqua
e fa: “qua – qua – qua!”
Lo vede un bambino
e gli lancia un pezzetto di panino
che gli riempie il pancino
così ricomincia il cammino.

─────────────────────────────────

 


“ L’IMPORTANZA DELL’ACQUA
 

dI Emanuela Tombari
 

E anche oggi mi sono svegliata e l’acqua non c’era,
anche oggi mamma piange perché io e la mia sorellina non abbiamo l’acqua,
anche oggi devo camminare nel deserto per trovare l’acqua, mentre altri bambini
giocano spensierati nell’ acqua, io sono qui a guardare questo deserto,
sperando che questo sia solo un incubo, ma non lo è.

─────────────────────────────────


“ ACQUA È VITA
 

dI Diallo Ahmadou e Cisse Djibril
 

Nasce dall’acqua la vita sulla terra
così noi possiamo vivere
spesso per questo c’è guerra
l’acqua non è cosa da perdere!

 Quando poca acqua viene giù
e laghi e fiumi sempre meno
che cosa faremo
quando non esisteremo più?

C’è acqua quando c’è vita
quando perdiamo l’acqua
perdiamo la vita!

 La migliore soluzione
è fare la pace ed aiutarsi sempre
questa è vera soddisfazione!

─────────────────────────────────

                        

                     

 

 

 

Annunci

SERATA DI PREMIAZIONE 2018

Bando del concorso 2018 – Fratello Lago Sorella Acqua

clicca qui per scaricare il bando in PDF




clicca qui per scaricare il bando in PDF