Concorso 2014 – Le poesie premiate

Le poesie premiate del concorso
di poesia umoristica e satirica
  “Anguillara si espRIME” 2014

Anguillara Sabazia, piazza del Molo
Sabato 7 Giugno 2014

La giuria ringrazia tutti i poeti che hanno partecipato mettendosi in gioco allegramente: sono loro i vincitori morali del concorso

Il motto del concorso

Er premio più gajardo e sorprennente
è quello de fa’ ride ‘n po’ la gente,

de fa’ sorti’ ‘n soriso in su la faccia
pe’ fatte abbozza’ mejo ‘sta vitaccia,

che si ridi la vita ‘n se lo spiega…
e tu la freghi prima che te frega ! ”

Valerio Volpi, “in arte” Rugantino Anguillarino

─────────────────────────────────

 

Categoria SENIOR

 

1^ classificata

IMG_4786

 

Er vive ciovile” di Maria Bonamici

    • Le motivazioni della Giuria

Perfetta articolazione di una delle forme espressive dialettali che è il sonetto. Ottime sono l’ironia, lo stile e la conoscenza dei termini dialettali. Una perfetta rappresentazione di momenti di vita vissuta conclusa da un invito perfettamente in linea con il tema proposto e sufficientemente categorico e deciso: “ma hai da capì che nun pòi sprecà!”

Senior 1 Pergamena Premiazione

    • La poesia

Quann’ero piccoletta er monnezzaro
saliva  pe’ le scale e, porta a porta,
caricannose peggio de ‘n somaro
svotava tutti i secchi a brija sciorta. 

Ma ‘n giorno er monno s’è  modernizzato
e cor furgone che tritura tutto,
co’ guanti e tuta  t’hanno eliminato
quer poveraccio stanco, sporco e brutto! 

Ma oggi pe’ sta’ mejo e vive bene
ciavemo pe’ ‘gni cosa  er secchio adatto,
ma a ‘ndovinà er colore,sì so’ pene ! 

E pure co’ tanta santa volontà
tra ‘n secchio e ‘n artro pòi diventà matto !
ma hai da’ capì che nun pòi più sprecà !

 

2^ classificata

IMG_4776

 

La munnezza differenziata” de Le Sciampagnole 

    • Le motivazioni della Giuria

Un vero e proprio tracciato di alcune espressioni anguillarine, un in perfetto e ricercato esempio di utilizzo del vernacoliere. Un’altra eccezionale forma di collaborazionismo “di famiglia” sul tema “raccoglie” che si evidenzia nell’ultima strofa: “lo lago zozzo nù lo vojo, riciclamo pure ll’ojo!”

Senior 2 Pergamena Premiazione

    • La poesia

‘R commune pe pulì’ ll’Anguillara,
cosa bella e assai rara,
ha ‘nventato co saggezza
na riccorta de mmunnezza.

Che pensate, cittadini,
cia’ aumentato li scopini?
Nossignori…com’è nnata?
Famo la differenziata.

Ll’ho co te, cara massaia,
nu lavorerai più a maia,
ai secchietti hai da pensa’
e ciai poco da scopa’.

Quanno t’arzi la mattina e te metti a fa ‘r caffè
Pe vota’ la macchinetta, li secchietti so ngià tre.

Ndo lo butto, che nne so?
Me sa fo ‘ndo coio coio, che lo tempo nun ce ll’ho.

Doppo pe sta più serena, vo a spasso giù a la Rena,
aggadiata me ritorno pe la gran munnezza ‘ntorno.

Entro a casa trafelata: voio fa a differenziata!
Nun dovemo fa li gretti: commattemo coi secchietti.

Lo lago zozzo nu lo voio! Riciclamo pure ll’oio! 

 

3^ classificata

IMG_4769

 

Anguillara accoglie” di Andrea Stocchiero 

    • Le motivazioni della Giuria

Una testimonianza diretta di un uomo del nord, partito dal Veneto per essere accolto da Anguillara. Scritta nel dialetto del suo luogo d’orgine, raccoglie, nel suo testo, le sensazioni e le emozioni di chi tanti anni fa ha scelto di venire a vivere sulle sponde di questo splendido lago. Una lirica spontanea e d’impatto, che evidenzia lo spirito di chi “a che piase magnar ben e bere vin bon”…

Senior 3 Pergamena Premiazione

    • La poesia

Oramai xe tanti ani che son vegnù a Anguillara
I me fioi i xe nati qua
E i parla come i locali spuà
No ghe xe le montagne
E anca qua se trova magagne
Ma un bel lago te sbirlucega ai oci
Dove i bocie i fa tanti poci
La natura xe bela
E a tuti ghe piasaria ciuciarla come na caramea
A go conosudo tanta gente, non tuti siori
Ma con tanta umanità financo i mori
A xe stà fasile sentirse accolti
Ma sempre te incorzi de persone sole
Ghe voria la voia de molti
De spartirse insieme torno tante tole
Perché qua come da dove vegno
A ghe piase magnar ben
E bere vin bon par cantar e no tegner sen !

 

 

Categoria JUNIOR

 

1^ classificata

IMG_4763

 

Poesia sul riciclaggio” di
Beatrice Carloni, Chiara Iaci e Elena Gazzella 

  • Le motivazioni della Giuria

Una ottima collaborazione giovanile ha mostrato uno splendido spaccato di quotidianità anguillarina. Grande estro nella preparazione delle rime che dimostra una vena poetica, seppur ancora inesperta, ma decisamente interessante forte il messaggio trasmesso nella spontaneità giovanile tipica dell’età.

 Junior 1 Pergamena Premiazione

  • La poesia

Anguillara se sta a nquinà
e noi la dovemo aiutà.
Sto bel paese sarebbe n peccato rovinà
pe’ na cartaccia che nun ce va de buttà.

De monezza semo sommersi
e lo dimo in questi versi.

Er compattatore hanno inventato
affinché l’alluminio venga riciclato.

Co i secchi colorati tanta confusione se fa
ma se dovemo mpegnà
pe er bene de sta bella città.

2^ classificata

IMG_4745

 

Anguillara perla rara”, I broccoletti e  Il pile”,
della media III C di Scalo,
a cura dell’insegnante
Nadia Maialetti 

  • Le motivazioni della Giuria

L’impegno di una intera classe, seppur stimolata dall’insegnante, denota una grande compattezza e mostra una lirica sicuramente interessante nelle sue forme irregolari ma perfettamente indirizzate verso una rima baciata. Doverosa una menzione anche per il richiamo ad una specialità Anguillarina nella poesia intitolata “I Broccoletti”.

Junior 2 Pergamena Premiazione

  • Le poesie

ANGUILLARA PERLA RARA

Anguillara accoglie gli africani
e quando arrivano, gli regaliamo i pani.
Anguillara è generosa
come una buona rosa.
Invece gli altri
che non accolgono nessuno,
quando arrivano
li lasciamo a digiuno.
Anguillara non è amara,
Anguillara è una perla rara.
Lei accoglie paesi vari
che arrivano da monti e mari. 

I BROCCOLETTI

Oggi è festa serena
perché si mangia verdura all’ora di cena.
Noi dei broccoletti parliamo,
e la rima ci facciamo.
A Vignoli li abbiamo raccolti,
con farina e uova impastati.
Nella pentola capovolti,
tanti gnocchi ci siam mangiati.

IL PILE

Un pezzo di plastica
parla acclamata: “Non sono stata riciclata!”
Un gatto mi voleva mangiare,
ma mi ha voluto solo leccare.
Mi son lasciata trasportare dal vento,
in un viaggio lento, lento.
Son finita in un indumento.

 

3^ classificata

IMG_4737

 

Anguillara ricicla” di Arianna Lampis

  • Le motivazioni della Giuria

Una ragazza che è la chiara dimostrazione che l’età non può essere un freno nell’espressione dei propri pensieri. Questa giovanissima artista riesce ad esprimere una forma di poesia intensa ed articolata nella sua impostazione fanciullesca. Le rime sono perfettamente musicate e traspirano, ma soprattutto lasciano presagire una grande crescita futura, nella speranza che a queste poesie ne seguano delle altre.

Junior 3 Pergamena Premiazione

  • La poesia

Sta raccolta differenziata
mi fa diventare matta,
è una gran rottura
selezionare la spazzatura.

Quando ritiran la monnezza
fan una gran schifezza,
cascan a terra lattine, banane,
se ne accorto pure il cane.

Ma Riciclago meno male
è una cosa colossale,
trasforma come un mago la spazzatura
in una grande architettura.
Così il riciclo è cosmico,
galattico,
simpatico.

 

Menzioni d’onore della giuria

La giuria ha assegnato delle menzioni d’onore ad alcune poesie le quali, pur  ispirate da una pregevole vena poetica, non sono state ammesse perché prive di spirito umoristico e satirico oppure non inerenti al tema “Anguillara coglie, accoglie e raccoglie”, come esplicitamente specificato nel bando del concorso.

Oh nobile Anguillara”,  di Virgilio Uda 

Cittade di antiche tradizioni,
nata sulle rive del lago Sabatino,
 dove vanitosa ti rispecchi
alla luce del sole mattutino.
 Hai accolto tutti, nobili e potenti,
 oggi accogli le più svariate genti,
 poveri stranieri giunti da lontano,
 con la sofferenza ancor nel cuore,
 che, speranzosi, ti tendono la mano,
 chiedendoti pane e un po’ d’amore.
 Davanti a Dio siamo tuffi uguali,
 che siano le origini povere o Regali,
 non importa se la pelle è bianca o nera,
non importa il color della bandiera,
accogliamoli senza esitazione
qualunque sia la razza o la religione.

 

Anguillara”, di Maria Enrichetta Corona

Immota, immemore, quasi superba,
Anguillara si specchia nel suo lago
come una principessa che da sempre
attenda il suo risveglio,
Sono passati briganti, signori, baroni
e papi, eserciti tuonanti ma Lei,
bella addormentata, è sempre là
ullandosi con niente ai raggi della luna.

 

Poesia”, di Arianna Lampis 

Cadon dall’albero foglie colorate,
volan leggere come serenate,
si posan sull’erba e sembran farfalle vegetali,
poi spiccano il volo con le loro ali.
Tutti van ad ammirare quello spettacolo naturale
per poi vedere le foglie a terra sognare.
 

“Molto bene, però avevo chiesto un testo scritto in prosa, non in versi”.
Mi disse la maestra senza dispiacersi.

A Mae’
Esti mellus sa poesia de custa prosa
Poitta esti musica in ogni cosa.

 

Tutte le poesie
della classe elementare II D di Scalo,
grazie alla passione delle maestre
che hanno suscitato
l’entusiasmo e la creatività
dei giovani poeti.

IMG_4711

IMG_4733

IMG_4717

IMG_4668

IMG_4672

IMG_4685

IMG_4691

IMG_4695

IMG_4741

 

Pubblicato il 10 giugno 2014 su Senza categoria. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Commenti disabilitati su Concorso 2014 – Le poesie premiate.

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: