La Povesìa 2

Pasquino Manfredi

Nino Manfredi – Pasquino

C’è chi nun vòle che usi la testa;
chi spera che tu nù raggioni mai;
ma, ‘ffà così, pè te, sò solo guai,
nun t’abbassà a chi vò fatt’ ‘a festa [1].

Tant’anni fa ce stava ‘r bon Pasquino [2]:
scriveva i’ rima, tosto come ‘n mulo,
e, a’ governanti, je rodeva ‘r culo,
perché scriveva ‘r ver’, era ginuino [3].

Oggi le cose sò cambiate poco,
ma c’è sempre bisogno de quarcuno
che viva, cò coraggio e come ‘n gioco,

er fatto da fà quer che ‘n fà nisuno:
scrive pell’aria, l’accua, ‘r vento e ‘r fòco,
senzibbilizzànne più de uno.

 

Anguillara Sabazia, 19 aprile 2014

Poggiamorella

Stemma de Il Salustro

Il Salustro


  1. A chi non fa i tuoi interessi.
  2. Pasquino è la più celebre statua parlante di Roma, divenuta famosa tra il XVI ed il XIX secolo. Ai piedi o al collo della statua, per anni, si sono trovate le famose “Pasquinate” fogli di carta contenenti pungenti satire nelle quali si raccontavano i malumori del popolo rispetto ai politici ed ai governanti.
  3. Genuino.

Pubblicato il 22 aprile 2014 su Senza categoria. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Commenti disabilitati su La Povesìa 2.

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: