Concorso 2017 – Le poesie premiate

Le poesie premiate del concorso
di poesia umoristica e satirica
Anguillara si espRIME2017

Ponti d’incontro Muri di scontro

Anguillara Sabazia, Giardini del Torrione
Sabato 20 Maggio 2017

Il motto del concorso

Er premio più gajardo e sorprennente
è quello de fa’ ride ‘n po’ la gente,

de fa’ sorti’ ‘n soriso in su la faccia
pe’ fatte abbozza’ mejo ‘sta vitaccia,

che si ridi la vita ‘n se lo spiega…
e tu la freghi prima che te frega ! 

Valerio Volpi, “in arte” Rugantino Anguillarino

─────────────────────────────────

Categoria “Poeti di lungo corso”

1^ classificata

 È ORA DE PIJA’ PACE  di Maria Bonamici 

Le motivazioni della Giuria
Salta agli occhi, prima di tutto, la perfetta impostazione del sonetto, in rima alternata nelle due quartine ed un perfetto ABA CBC nelle due terzine finali. Si tratta sicuramente del miglior prodotto in rima presentato, in cui spiccano perfettamente i parametri richiesti: l’ironia, il dialetto, ed il sonetto che aveva un carattere di preferibilità. Ottima inquadratura sull’uomo in grado di costruire ponti, ma, con la stessa facilità, di erigere muri, con la strofa finale “prima te renne libero e poi in gabbia”.

‘Sto monno Dio l’ha fatto co’ ‘n soriso:
cor cèlo, i monti, le pianure e l’onna,
co’ prati e fiori: proprio ‘n Paradiso
e poi… cià messo l’òmo co’ la donna!

E questo ‘n pò pe’ vorta, co’ fatica,
ner tempo t’ha innarzato case e chiese,
strade, villaggi e in men che nun se dica
porti, aeroporti e, senza badà a spese,

i ponti pe’ riunì tante persone
che senza nun potevano abbracciasse,
ma si je  rode a ‘n tratto  er chiccherone,

sto farabutto, preso da la rabbia,
t’arza su ‘n muro e come se ‘n bastasse,
prima te renne libbero e poi in gabbia!

─────────────────────────────────

2^ classificata

“ VOJO EL MURO ANCA MI! ” di Andrea Stocchiero

Le motivazioni della Giuria
Una composizione che vive della grande ironia legata alla costruzione di muri, in un crescendo in cui l’ingegnoso “se fusse par mi” guida l’insieme delle rime. Il finale, molto allegorico, parla dell’ultimo muro necessario per separare i neuroni di destra da quelli di sinistra, in una doppia interpretazione geografico/politica, prima del quasi definitivo “ma al final no ghe posso pì”.

Se fusse par mi
Costruria un muro là nel Mediterraneo
Che no pasaria neanca un oseo

Se fusse par mi
Costruria un muro pena soto a Roma
Che no pasari neanca un porseo

Se fussi par mi
Costruria un muro la soto al Po’
Che no pasaria neanca un teròn col cameo

Se fusse par mi
Costruria un muro la giusto soto la mi Vicensa
Che no pasaria neance un padovan con la licensa

Se fusse par mi
Costruria un muro la soto la mi stradeta
Che no pasaria neanca el me vicin contando na barseeta

Se fusse par mi
Costruria un muro fora de la mi camereta
Che no pasaria neanche la mi mujere benedeta

Se fusse par mi
Costruria un muro la dentro del me serveo
tra i neuroni de la destra e quei de la sinistra

Ma al final no ghe ne poso pì
A costruir tuti sti muri me son perso anca mì.
 

─────────────────────────────────

3^ classificata ex aequo

“ EL PONTE DEI RICORD  di Maurizio Misitano

Le motivazioni della Giuria
Perfetta inquadratura di una situazione in cui, incredibilmente, il ponte non è più oggetto di incontro ma diventa l’elemento contro cui si trova a lottare l’autore. L’idea è sviluppata in modo perfetto, mostra un aspetto delle cose diverso dal solito ed inquadra molto bene il punto di vista personale.

Mi la cà ghe l’evi, mè’l me pà me l’aveva lassà
Con un müch de laurà, l’aveva fa su sta cà
Tüch i quadreil parlun de mi e i gan una storia da cuntà

Gli amis, le risa e a la me sposa, el me grande amür.
Mi vorevi pasarve tüta la vita in més a chi quater mur,
In riva al fos, cüi prat, i fiür coi so mil culur.

Ma un dì le rivà el Sindic, cun la so facia da cujun
el vureva semper ragiün perché l’era el padrün
E anca se l’era picinin el rispettava nisün.

Y ades tél chi, el ciapa a misurà, el fa foto, con tuch i so amis
El vo construì un pont ndul’é la me cà, el me dis
I ghan da bütarla giù la me cà, con tuch i me pastis

Ma andì pusè in là! ghe disì con un bel suris
Chi go tuch i me ricord, la me roba, e anca y me, de amis
Ma el ponte l’è il prugres, il futuro e l’è il paradis

El ponte l’è belisim e ades tüch i poden pasar sopra el fos
Ghe pasan i parson, le machine, e anca i camions
che li senti de luntan e fan tremà tuch i me cos

Le no roba da ricchi, l’è la casa de un barbün
Li do’ caldar, una cadrega e un much de cartün,
Ma go semper el me grand’amür, anca chi süt al pont de fer e de matün.

Traduzione

Io la casa ce l’avevo, come me l’aveva lasciata il mio papà.
Con tanto lavoro, l’aveva costruita.
Tutti i mattoni parlano di me e hanno una storia da raccontare

Gli amici, le risate e la mia sposa, il mio grande amore.
Io volevo passarci tutta la vita, in mezzo ai queste quattro mura
in riva al fosso, coi prati, i fiori e i loro mille colori.

Ma un giorno è arrivato il sindaco, con la sua faccia da coglione
e voleva sempre ragione perché era il padrone
e anche se era piccolo di statura, non portava rispetto per nessuno

E adesso eccolo qui che prende misure, fa foto con tutti i suoi amici
Dice che deve costruire un ponte, proprio qui, dove è la mia casa
Devono buttare giù la mia casa, con tutti i miei pasticci 

Ma andate un po’ più in là, gli dico con un sorriso
Qui ho tutti i miei ricordi, le mie cose, e anche i miei amici
Ma il ponte è il progresso, il futuro; è il paradiso!

Il ponte è bellissimo, e tutti possono passare sopra il fosso
Ci passano le persone, le macchine e anche i camion
E li sento da lontano e fanno tremare tutte le mie cose

Non sono cose da ricchi, è una casa di un barbone
Due pentole, una sedia e un mucchio di cartoni
Ma ho sempre il mio grande amore, anche qui, sotto il ponte di ferro e di mattoni.

─────────────────────────────────

3^ classificata ex aequo

“ ER PETTEGOLEZZO ” di Rita Iacoponi

Le motivazioni della Giuria
Ottima la scelta del sonetto, per quanto tecnicamente irregolare, ma che evidenzia molto bene il messaggio che si vuole trasmettere. La chiacchiera ed il pettegolezzo vengono interpretati, allo stesso tempo, muro e ponte. Idea originale e molto ben sviluppata.

Ma’vete sentito parla’ de quello,
che va insieme co’ quell’artra zozza?
La moje ja dato cor mattarello
Mancava solo da fini’n carozza.”

Così va, e core de bocca’n bocca
Ma nun se po’ ‘ngrugnà a chi je tocca!
Tutto vede, tutto sa, c’ha cent’occhi
Corna, amichi, sordi e pitocchi

Nessuno è immune, tocc’a tutti
E quando che nun c’hanno niente da di’
“c’ha le cosce che so come presciutti!”

La chiacchiera ar bar sembra ch’unisce
Chi non la fa? Pare’n ponte d’incontro…
Ma è muro… quando ce sbatti contro!

─────────────────────────────────

Categoria “Poeti in erba”

Il Presidente della Giuria Giggi Poggiamorella Cartoni non ha potuto partecipare alla premiazione per i suoi impegni di lavoro a Le Mans, in Francia, con la Federazione Italiana Tiro con l’Arco Disabili. Ha voluto inviare questo messaggio a tutti i partecipanti della categoria “Poeti in erba“.

« Prima di procedere alla Premiazione, va evidenziata la grande qualità dimostrata dai ragazzi e dalle ragazze che hanno preso parte a questo concorso. La Giuria ha avuto grandi problemi nel momento delle decisioni, in quanto fare delle scelte di fronte a tanta qualità si è rivelato assolutamente difficile, proprio perché tutte le liriche, per la loro impostazione, per la fantasia dimostrata e per come si è affrontato il tema, avrebbero meritato di essere premiate. Un salto di qualità che quest’anno ha coinvolto tutti i partecipanti, a cui va, da parte della Giuria, un caloroso “bravi tutti”. »

1^ classificata

COR CÒRE SE PO’  di Stefania Oliveto, Lavinia Pizzi, Alessia Stufa 

Le motivazioni della Giuria
Già dal titolo il messaggio che ne deriva è chiaro, lampante. Nello scorrere delle rime, oltre ad alcune prelibatezze dialettali, come “attraverzannoli” scritto con la zeta dolce, retaggio di esperienza dialettale non comune, ci sono tanti riferimenti al tema del concorso, con alcuni spunti davvero esilaranti. Il quesito che si pongono, ad un certo punto, gli autori sul come chiedere un involtino ai cinesi è una vera chicca dell’inventiva. La chiusura finale è perfetta nel concetto: per creare un ponte non serve un muratore, ci vuole il cuore.

Giranno per monno tanti ponti n’contrerai,
attraverzannoli n’tanti posti te troverai.
Da Venezia a San Franzisco
a vedelli gioisco,
perché ogni ponte,
apre n’orizzonte.
Dell’omo è n’invenzione
c’hanno tutti a stessa funzione;
fatto pe du posti avvicinà
cosi’ pure du popoli fa n’incontrà.
Ma de sti ponti ce fidamo?
pure se sopra un po’ ce trabballamo!
Rassegnamose… artrimenti qua dovemo da restà
e tanta gente nun  potemo più n’contrà.
A noi ce piace avecce n’classe
er bianco, er giallo, e l’indiano,
ma co stà storia è n’gran baccano!
Quanto staremo bene tutti a giocà n’giardino!
Poi annamo a magnà dar Cinesino,
ma se nun ce sapemo parlà…
st’invortino,come o dovemo ordinà?
Per cui signori cari, damose dà fa,
buttamo giù stì muri e continuamo a camminà…
mettemose a costruì  n’zacco de ponti…
perché alla fine se se famo du conti…
pe costruilli ,nun bisogna esse architetto o muratore…
perché i ponti che ce servono a noi se fanno cor core!
 

─────────────────────────────────

2^ classificata ex aequo

I PONTI DER CORE  di Simone Impacciatore 

Le motivazioni della Giuria
La spontaneità con cui questo giovane autore parla di sé e dei bambini in generale, è eccezionale. Ottima l’allegoria dell’”erba servaggia” e la tecnica poetica, con rime libere e spesso saltate, che ricorda molto da vicino le poetiche di uno dei più famosi poeti Romaneschi: Trilussa.

I bambini sò bravissimi a costruì i ponti.
I ponti loro sò come l’erba servaggia
Crescono così, senza pensacce troppo, nei loro cori.

I bambini creano ponti co chiunque
Bianchi o neri, cattolici o protestanti
Nun sò poi così distanti!
Viaggi lunghi difficili da fermà
Per chi come loro davero sa amà!

I grandi dovrebbero imparà
da chi agisce col core,
per rende er monno un posto migliore!

─────────────────────────────────

2^ classificata ex aequo

EN MURO DE SABIA  di Martina Pasqui, Simona Messina, Federico Moriconi 

Dialetto Di Calice Al Cornoviglio La Spezia

Le motivazioni della Giuria
Ingegnoso componimento in cui gli autori ottimamente immaginano un muro di sabbia, addobbato con conchiglie ed altro, riuscendo a trovare positività un elemento, in un muro, che non ci attende: la bellezza e la positività, rendendolo ipotetica dimora di un folletto. Ottimo spunto ben espresso, con l’utilizzo del dialetto che, anche grazie alla spiegazione, offre uno stupendo quadro fiabesco. 

Ho fatu en muro
cun a sabia der mare mare
ma niscun
me voreva aidare
per decoro a go missu
er conchigle
su enter contorno
a go sistema’le bigle
a stare gh’e’ anda’
en fuletu
che adesu i guarda
er mare con afetu
che ber muro ho fatu me!
Senza pa’,ma’ e ziu
ma pensandughe su
mei er mi muro de sabia
che i sape’ butar giu’!
I fusci tuti cusci i muri
enter mondo
i se pudravi abate enten
solo segundo.

Traduzione

Ho fatto un muro
con la sabbia del mare
ma nessuno
voleva aiutare
per decoro ho messo
le conchiglie
sul contorno
ho sistemato le biglie
ad abitarci c’e’ andato
un folletto
che adesso guarda
il mare con affetto.
che bel muro ho fatto io !
Senza papa’,mamma e zio
ma pensandoci su
meglio il mio muro di sabbia
che si puo’ buttar giu’!
Fossero tutti cosi’ i muri
del mondo
si potrebbero abbattere
in un solo secondo.

─────────────────────────────────

3^ classificata ex aequo

“ ORTRE ER MURO  di Tommaso Marin 

Le motivazioni della Giuria
Breve, concisa, ma molto significativa questa poesia, in cui l’impossibilità di vedere oltre il muro non permette di comprendere nì tantomeno ammirare un ipotetico castello. La conclusione è, comunque, improntata perfettamente su quanto “i serci” sarebbero stati molto più utili per costruire un ponte anziché un muro. Ottimo l’utilizzo del dialetto.

─────────────────────────────────

3^ classificata ex aequo

IL SOLE, LA LUNA E L’ECLISSI  di Sofia Scopetti 

Le motivazioni della Giuria
Uno spunto straordinario, tanta inventiva e fantasia che fanno da corollario all’amore, componenti eccezionali di questo componimento in rima baciata in cui l’autrice racconta, avvalendosi in modo ottimale proprio delle rime, una bellissima fiaba con il trionfo finale del bene per eccellenza, l’amore.

─────────────────────────────────

Categoria “Premi della Giuria”


UN MURO IMPORTANTE
  di Anna Maria Forniti  

Io e te.
Stessa persona, anime diverse.
Un muro ci divide,
ci allontana.
Un muro divide ciò che voglio
essere
e ciò che credo di essere.
Un muro mi allontana dalla vera
me
ed io non so come spezzare
questa catena
che ormai mi porta solo giù …

Solo io posso farlo
Solo io posso finalmente
rompere questo muro.
Ma non so come farlo.

Non posso farmi trascinare giù
Perché dopo non saprei,
come risalire
come riuscire ad uscire illesa da una
carneficina,
dalla carneficina che è me stessa.
E se solo così posso uscirne spero solo che
non farà troppo male.
Spero solo di non rimanere troppo ferita
Spero solo di riuscire ad alzarmi …
Ed essere una persona nuova …
Libera
E vuota di problemi…

Un muro importante,
quello tra me stessa.
il muro che abbatterò
con la mia forza e vitalità.

─────────────────────────────────

 

UN PONTE E NON UNO SCOPO  di Torabiyeganeh Meysan  

─────────────────────────────────

 

“ IL PAESE DI ALIBBABBÀ  di Aumusa Newar 

─────────────────────────────────

“ IL NOSTRO PONTE  di Ali Ahmednur, Cisse Dijbril, Diko Alassane

─────────────────────────────────

Grazie a tutte le poetesse e tutti i poeti di tutte le età
per la bellissima serata passata insieme !

 

Pubblicato il 24 maggio 2017 su Senza categoria. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: